Premio Brighenti XXIII edizione: 9 novembre 2019, Endine Gaiano

Anche quest’anno è stato assegnato il Premio “Giuseppe Brighenti” per lo studio e la divulgazione della storia del Novecento” XXIIIa edizione secondo le modalità del nuovo bando entrato in vigore nel 2013. Per questa edizione la Commissione, composta da rappresentanti dell’Anpi provinciale, della sezione Anpi di Endine Gaiano, del Comitato antifascista bergamasco, della Camera del Lavoro Cgil e dell’Isrec Bergamo,  ha deciso di assegnare ex-aequo il premio per la tesi di laurea a Federico Redaelli di Seriate, autore di Guardare dalla terra il naufragio lontano, Università degli studi di Bergamo, a.a. 2017/2018 e a Chiara Calzana di Bergamo, autrice di “QUELLA VOLTA DEL VAJONT”. Per un’antropologia della memoria, Università degli studi di Milano-Bicocca, a.a. 2017/2018. Accogliendo la richiesta di Chiara Cremaschi, regista bergamasca, e non essendo stati presentati nuovi progetti, il premio per il progetto di ricerca è stato anche quest’anno assegnato a Una storia di nomi e di città,  per poter completare la ricerca avviata l’anno scorso ma non ancora conclusa, come è  previsto dal punto 10 del bando. Inoltre la Commissione, in considerazione della presenza di un ex-aequo,  ha deciso di dividere in parti uguali tra i tre vincitori l’intero ammontare complessivo del Premio.

Sabato 09 novembre alle ore 15:30 presso la Sala Consiliare del Comune di Endine Gaiano avverrà la premiazione e assieme ai rappresentanti dei vari enti che sostengono il Premio, interverranno Federico Redaelli, Chiara Calzana e Chiara Cremaschi vincitori della XXIII edizione,  presentando i loro lavori.

 

invito

Presentazioni tesi

comunicato XXIII ed

 

loading